27/10/08

Perchè, tutto sommato, potremmo ancora dirci piddini

Stamattina stavo scrivendo un pezzo sulla manifestazione di sabato (uscirà domani, credo), quando mi sono reso conto che ormai la mia posizione nei confronti del Partito Democratico si sta cristallizzando verso un rifiuto più o meno marcato. Magari qualcuno di voi sarebbe contento di risolvere una lunga diatriba interiore con una posizione netta, a me invece una situazione del genere turba, soprattutto perchè dopo aver lasciato dietro di sè anche il partito democratico non rimane molto (oltre all'espatrio, intendo) nel panorama politico italiano.

I comunisti, a mio parere, sono andati del tutto: già il fatto che Ferrero abbia fatto tanto per diventare segretario, aggregando a sè tutti i groppuscoli che si opponevano come lui a Vendola, non mi aiuta a vederlo come un dirigente interessato più alle lotte che al potere; se poi mi capita di ripensare a Diliberto, Rizzo o il recentemente tornato in auge (anche se solo come consulente) Bertinotti, mi rendo conto che l'occasione di rinnovarsi arrivata con la batosta elettorale non è stata, non è e non sarà mai colta. Il futuro nel quale si può sperare, per loro, non è certo quello prossimo.

L'Italia dei valori ha fatto quello che col mio voto le avevo chiesto di fare, si può dire, ma per quanto mi riguarda il mandato vorrebbe finire qui (non escludo di rivotarli in futuro, ma spero di no). Non sarà certo dal gruppo di DiPietro che arriverà il futuro migliore per l'Italia, il suo compito era ed è, per quanto mi riguarda, vigilare acchè la situazione non peggiori e possibilmente migliori nei nodi crociali che possono vanificare ogni spinta innovativa: giustizia,informazione, meccanismi elettorali. Li ho votati perchè temevo, a ragione credo, che Veltroni non avrebbe avuto la stessa determinazione nell'opporsi a una destra che su questi tre temi ha fatto i più grandi sfaceli, e ancora non è sazia. Li ho votati per questi motivi, ma le chiavi del mio futuro le vorrei affidare a qualcun'altro.

E quindi? se resta solo Veltroni, ci dobbiamo affidare a Veltroni? proprio qui sta il punto cruciale: se si tratta di mettersi dalla parte di questo segretario finchè morte non ci separi allora non ci siamo, e la scelta è tra Spagna, Inghilterra o Germania. Se però...

...se però il partito democratico fosse l'unico che per qualche strana contingenza è ancora dotato della capacità di cambiare? se per caso la venerazione veltroniana per Obama avesse prodotto, di sponda, un partito che in una qualche maniera (più teorica che pratica per ora) ha una vocazione partecipativa? se ci si fossero infilate, malgrado le intenzioni dell'establishment di cambiare tutto perchè niente cambiasse, persone con voglia di modificare le facce e i modi della politica? ecco, tutto questo è successo, credo (o forse spero). Mi è capitato di sentire da esponenti locali fidati (come TheNib) notizie rassicuranti sulla capacità locale di proporre persone e idee nuove, forse il problema è solo nazionale? in tal caso potrebbe essere una questione di tempo, ma tanto vale accelerare il processo.

Per questo, se il partito democratico è davvero l'unica grande partito con un residuo di democrazia interna rimasto in Italia, vale la pena cercare di non staccare quest'ultima spina. Rileggendoli, mi sono reso conto che i miei primi pezzi sul Pd denotavano un misto di curiosità e voglia di sperare, che man mano sparivano per lasciar posto a diffidenza, poi rabbia e infine rassegnazione. Prima di arrivare alla fase "vecchietto acido e brontolone" vorrei invertire la rotta e stabilizzarmi su una vigile e apprensiva attenzione per un partito che non abbiamo ancora perso del tutto.

Come fare? per ora ho trovato dei compagni di viaggio: la Fondazione Daje, che forse è nata un po' per celia, ma sta diventando qualcosa di più strutturato senza perdere, ed è importante, la voglia di scherzare. Seguite il mio esempio e vedrete che qualcosa, ancora, si può fare.

3 commenti:

Anellidifumo ha detto...

Poni un problema grande e importante. Il punto è che se la scelta la si deve fare tra il PD o l'espatrio, forse è il caso di considerare l'espatrio. Non penso proprio che entrando nel PD, dove pure non mancano i cervelli e i buoni compagni di viaggio, come quelli della Fondazione Daje, si possa far cambiare quel partito.

E' la filosofia politica del progetto a essere errata. Non puoi mettere insieme ex comunisti che non sanno più a che politica votarsi e cattolici integralisti dell'Opus Dei, più i cattolici democratici. Non lo puoi fare perché le materie del XXI secolo sulle quali è necessario prendere posizione te lo impediscono. Si hanno idee troppo diverse.

Ah, saluti dal Canada.

Paguro ha detto...

già, ma la speranza è che una volta entrati in massa si possano cacciare gruppetti come quello cattolico (che credo faccia più che altro perdere voti, un giorno ci scrivo approfonditamente anche se c'è già un post su Rutelli di qualche tempo fa).

Maledetto, com'è il canada? :P

Anonimo ha detto...

A me sembra palesemente ovvio che sia l'unica alternativa accettabile...molto più di Di Pietro che è l'esempio lampante di partito ad personam, costruito, incentrato e vincolato ad una sola persona...altro che Forza Italia! Già la politica non da una grande immagine di sè, ma se anche di qua ci buttiamo sul personalismo assoluto è veramente finita...e hai voglia a salutare Berlusconi quanto ci mettiamo!