05/11/08

e adesso il Papa nero

Lo so, mi sono già dichiarato scettico su alcuni aspetti dell'obamismo, però sono contento lo stesso della sua elezione e non solo perchè non c'era niente di meglio. Forse non è il presidente perfetto, e forse è poco o niente distante dalle posizioni di un establishment democratico tradizionalmente poco "rivoluzionario", al di là delle parole, ma questo famoso cambiamento potrà avvenire lo stesso. O perlomeno ci spero.

Ci spero perchè se gli americani, da sempre sensibili soprattutto al messaggio lanciato più che al contenuto che ci sta dietro, vogliono così fortemente il cambiamento...

Ci spero perchè se questa volta gli americani votanti (e quindi attenti e interessati in politica) sono davvero così tanti e variegati...

Ci spero perchè se chi ha vinto deve parecchio a un mondo, quello di internet, fatto di informazione libera e incontrollata, grandi mobilitazioni di persone qualunque e velocità di accesso ai dati e di diffusione di idee (anche critiche)...

...ecco, se tutto questo è vero allora forse è la volta buona, e il popolo votante più influente del mondo sarà finalmente chiamato a "darsi una governata", tutto assieme e per davvero, questa volta.

Yes, we can (hope it).

1 commento:

Stefano ha detto...

Sono felice anch'io, è una vera ondata di freschezza, di novità, di cambiamento, anche se non lo sarà, sarà tutto comunque diverso :-)