30/11/08

Cash cash cash

Pare che, nonostante nessuno là fuori voglia pagare questa crisi, i solerti giardinieri della Libertà non stiano perdendo tempo a chiedere pareri, tanto che nuovi tagli sempre più fantasiosi appaiono ogni giorno, accompagnati da esilaranti prove d'abilità comica.

"Prima di tutto Sky non e’ un concorrente di Mediaset in quanto viaggia sul satellite e ha altre regole. Quanto al provvedimento adottato dal governo, esso ha penalizzato anche Mediaset che sta per far partire una tv su abbonamento. Questo dimostra che la sinistra ha inventato il conflitto di interessi. E se Sky fino ad oggi ha goduto di un privilegio, questo lo deve ai suoi buoni rapporti con la sinistra. Noi siamo andati a eliminare questo privilegio e si sono inventati che e’ una norma punitiva. Non si sono accorti che qualche settimana fa abbiamo introdotto una norma che stabilisce che i libri di testo non si possono cambiare prima di cinque anni eppure questa norma colpisce la Mondadori nella quale la famiglia del premier ha qualche interesse. La sinistra e’ in divorzio con la realta’. La sua capacita’ di volgere a suo vantaggio, con assolute menzogne, quello che facciamo, e’ straordinaria". (fonte addirittura il sito di Forza Italia)

Allora, va bene che stanno facendo cassa e da qualche parte i soldi devono uscire, ma è un peccato che, mentre ce lo mettono, per il culo ci debbano pure pigliare (anche se in effetti una presa salda aiuta, ma vabbè). Difatti Sky e Mediaset sono praticamente sullo stesso mercato, nel senso che Mediaset è di fatto la televisione a costo zero (la Rai è sempre meno un vero e proprio nemico) quindi far aumentare i costi della televisione a pagamento serve eccome a dirottare clienti sui tre canali di casa Berlusconi. Chiaro, non sono concorrenti diretti, ma questo non significa che Mediaset non benefici di eventuali flessioni nel mercato della tv via parabola (e la storia del canale commerciale di Mediaset non compensa poi più di tanto). Se Sky abbia avuto buoni rapporti con la sinistra non lo so, ma arrivare a dire che questo governo è occupato a riparare torti mi sembra degno al massimo del Bagaglino (ah, già)

È anche questo conflitto d'interessi? sinceramente non ne ho idea, potrebbe anche essere che l'IVA fosse effettivamente bassa, ma non essendo un esperto di questo genere di cose vi rimando a consultare blogger migliori (io mi sto solo divertendo con l'ennesimo, semplice post filologico-livoroso su Berlusconi e le sue dichiarazioni). Però il 10% in più sull'IVA porterà un 10% in più sugli abbonamenti, voglio vedere cosa si inventano per la campagna pubblicitaria di Natale. E infine affermare che una cosa del genera possa dimostrare che la sinistra ha inventato il conflitto d'interessi è addirittura incommentabile (sulla questione dei libri suppongo abbia invece ragione, ma non mi stupirei di scoprire che la Mondadori non ha interessi in quel campo).

Torna la porno tax, prelievo fiscale aggiuntivo che colpisce l'industria dell'eros più spinto. È una delle misure introdotte dal piano anti-crisi del governo, articolo 31. Non lieve: chi produce e commercializza materiale pornografico dovrà pagare un'addizionale del 25% sui redditi che ne derivano. (fonte il Corriere)

Un taglio invece sconfina nel surreale è questa famosa porno tax, "finalmente" da applicare dopo anni dalla prima proposta. Di per sè sarebbe già di suo una tassa difficile da applicare, dato che la maggiorparte del fatturato dell'industria porno è sommerso se non addirittura prodotto all'estero e "rivenduto" su internet, ma tanto per aggiungere ancora una spruzzata di ridicolo pare che la valutazione di cosa sia porno e cosa no (dato che esiste, oltretutto, una notevole mole di materiale borderline) spetti a Sandro Bondi. Il discrimine pare che sia la simulazione o meno dell'atto sessuale, il che ci fa pensare a un Bondi attivo già sul set per capire se v'è effettivamente penetrazione (ammesso che riesca a capirci qualcosa, s'intende) o più probabilmente un Bondi che ha finalmente un pretesto per compiere qualche sano atto censorio, che un po' si era capito desiderasse da tempo attuare. Se poi ne uscirà anche qualche soldo per le casse dello Stato non si capisce bene, ma ho la netta impressione che ci credano davvero.

Tutto qui? no, il dl è lunghetto e andrebbe studiato a fondo, cosa che probabilmente farò nei prossimi giorni se troverò il tempo. Ma un po' spero che lo faccia qualcuno per me (segnalate segnalate segnalate). (EDIT: non ho tempo, considerato che leggere economia per me è impegnativo, ma sono sicuro troverete blogger migliori in questo ambito)


3 commenti:

Don Cave ha detto...

Mi chiedo se la penalizzazione della televisione satellitare non possa tornare a vantaggio del digitale terrestre...

Verosimile?

SR

Anonimo ha detto...

Ciao,
a parte il fatto che fa una mossa a suo favore, favorendo mediaset premium, io stavolta (una ogni tanto) do ragione al cavaliere...

Sky, una tv-satellitare a PAGAMENTO, è un bene di per sè SECONDARIO, quindi va tassato, come va tassato ciò che non serve al normale sostenamento.

Io sky non me lo posso permettere (anche perchè penso che sarebbe rincitrullimento aggiuntivo).

La sinistra preferisce rinfoltire le finanze opulente del magnate australiano Murdoch o preferisce che il denaro ricavato dalle tasse su un bene, in effetti di bassa utilità, sia ridistribuito alla popolazione?

Ai poster l'hardware sentenza.

Paguro ha detto...

difatti per me quella è una questione difficile da comprendere, in effetti visto poi che l'iva al 10% se l'era fatta abbassare lui ai tempi di Tele+ forse era effettivamente bassa. Il punto è che invece di regolamentare seriamente la cosa (e quindi alzarsi pure la sua o altre simili) sfrutta una situazione come quella attuale in cui tutti stiamo più o meno rischiando di doverci mettere le pezze al culo per farsi i comodi suoi.