25/06/08

Facciamoci male, facciamolo bene

Io oggi volevo parlare dei giovani che pare stiano assaltando il Pd, volevo scrivere qualcosa sulle varie fondazioni, associazioni, pensatoie (preferisco il femminile, pensatoi sembra una cosa seria mentre così fa tanto bovidi che placidamente s'approvvigionano alla stessa vascata di liquami commestibili) che proprio in questi giorni cercano un po' di dare il proprio contributo un po' di assicurarsi qualche bottone nella famosa stanza preposta. E invece ho dato un'occhiata all'articolo di Repubblica sulla conferenza di Veltroni a proposito del "buco" di Roma. Non l'avessi mai fatto.

Ora, già programmare la conferenza praticamente in contemporanea allo show di D'Alema è un po' come dire "vabbè dai, non serve che venite a sentirmi, non me la prendo, davvero" e sicuramente non fa risaltare nemmeno sui media le tue parole. Ma metti che c'aveva solo sto buco, capiscilo, è uno occupato. E invece era proprio lui a non pensare che l'accusa del "principale esponente dello schieramento a noi avverso" di aver creato una voragine finanziaria fosse importante da smentire

"Veltroni aspetta tre giorni prima di rispondere a tono, cioè numero su numero, all'attacco di Berlusconi. "Avrei preferito - dice - far sgonfiare la cosa da sola, come sta accadendo con la certificazione della Ragioneria generale e di Standard and Poor's, l'agenzia di certificazione dei bilanci..."

Difatti il bollettino della Ragioneria Generale (ammesso che esista) è la mia lettura abituale al mattino, e quelli della Standard and Poor's hanno un grande risalto mediatico, in fondo posseggono tre televisioni. Ah no, è vero, quello è Berlusconi. Ma Veltroni è davvero convinto che basti professarsi bravi e onesti perchè la gente ci creda? io credevo fosse più questione di controbattere colpo su colpo e far rimangiare le sparate ai mistificatori. Veltroni no, lui crede nella fiducia della gente, fiducia che sinceramente non ricordo quando avrebbe guadagnato. Fatto sta che sono passati tre giorni e lui dice la sua quando ormai l'idea "Veltroni amministra male i conti" si è cristallizzata in buona parte dell'opinione pubblica, e hai voglia ora a metterla in discussione.

Ed è solo l'ennesima conferma di quella che se Veltroni fosse un giovincello chiamerei ingenuità, di cui l'altro esempio principe è il fiorire delle paracorrenti all'interno del Partito Democratico contro il quale non fa (o non può fare?) niente. Niente a parte affermare che "la leadership non è in discussione", come se bastasse dire le parole magiche per sistemare la situazione (peraltro a questo punto potrebbe provare con abracadabra). Io non vorrei passare per il disfattista, ma se non si comincia a dare una forma a questo partito non si andrà da nessuna parte, e Veltroni non ha fatto ancora un passo in questa direzione. Oltre alle belle parole, s'intende.

1 commento:

soma ha detto...

Sai cosa?
Mi sembra che, tra l'essere il capo della fazione che ha perso, e il volersi mostrare un buono in contrapposizione ai "cattivisti" di destra, lo stanno superando tutti, a sinistra, a destra, al centro... poraccio.